Aree interne: il 6 e il 7 maggio torna il Forum. “Alta velocità: partire, tornare… forse restare”

Sarà l’ammistratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana, Gianpiero Strisciuglio, uno dei protagonisti del quinto Forum delle Aree Interne che si terrà al Centro “La Pace” il 6 e 7 maggio prossimi. Il titolo è: “Alta velocità: partire, tornare…forse restare”. Nella intensa due giorni di confronto e di proposte, amministratori, istituzioni, scuole e mondo delle imprese punteranno l’attenzione sulle opportunità e sui rischi delle nuove infrastrutture legate alla mobilità ferroviaria e alla comunicazione digitale. Oltre all’A.D. di Rete Ferroviaria Italiana alla due giorni interverranno i responsabili Comunicazione e Sostenibilità di Open Fiber, Fabio Melia e Giulia Ritondale, che si soffermeranno su banda larga e fibra ottica nelle realtà più emarginate. Sarà proposto per le aree sannito-irpine il progetto “South Working – Lavorare dal Sud”.

Nella sezione testimonianze, ospiti Alessio Zollo (Digital innovation manager) e Jean Pierre El Kozeh (Imprenditore culturale). Previsti anche gli interventi del regista Antonello Carbone e dell’ambasciatore italiano in Zambia e Malawi Enrico de Agostini.

Ridurre il tasso di spopolamento, favorire progetti autopropulsivi e perseguire una diversa cultura dei territori, anche a favore del rientro degli emigrati, è uno dei punti centrali del Forum durante il quale saranno presentati quattro progetti, tutti prodotti da studenti, che lanciano la sfida possibile, all’indomani della seconda Lettera dei Vescovi per il riscatto del Mezzogiorno d’Italia.

Info

Conferenza Episcopale Campana

Segreteria:
Piazza Bartolo Longo 1
80045 Pompei NA

info@conferenzaepiscopalecampana.it

Articoli Recenti

RSS CEI

  • Accanto ai migranti e ai rifugiati
    Alla vigilia della Giornata mondiale del Rifugiato delle Nazioni Unite del 20 giugno, il punto sull'impegno della Chiesa italiana e sui progetti realizzati grazie ai fondi dell'8xmille: dal 1991, attraverso il Servizio per gli interventi caritativi per lo sviluppo dei popoli, sono stati finanziati 166 progetti in 31 Paesi per un totale di oltre 31,5 […]

RSS SIR

  • Sul guscio di una tartaruga. Natura, maestra dei popoli
    Nelle credenze popolari delle Solomon Islands, se un’isola affonda significa che è morta la testuggine marina su cui poggiava. Quando c’è un terremoto, è una tartaruga che litiga con un’altra. Mentre lo tsunami è causato da un forte dissenso tra gruppi di testuggini. Essendo la tartaruga marina un animale sostanzialmente pacifico, si può spiegare perché […]