Convegno Regionale del settore Comunicazioni Sociali: Giornalismo e Chiesa alla prova dell’Intelligenza Artificiale.

Giornalismo, Chiesa e Intelligenza artificiale: tre realtà a confronto in una mattinata di formazione e aggiornamento anche dal punto di vista deontologico. È il focus del Convegno regionale promosso dal settore Comunicazioni sociali della Conferenza Episcopale Campana, riconosciuto dall’Ordine dei Giornalisti per la formazione professionale continua. Per il riconoscimento dei crediti professionali i giornalisti dovranno iscriversi dal portale https://www.formazionegiornalisti.it.

L’appuntamento è per sabato 8 giugno a Pompei, presso la sede della Conferenza Episcopale Campana nel piazzale Giovanni XXIII interno al Santuario della Madonna del Rosario. Il titolo dell’incontro, che prenderà il via alle ore 9:30, è «Giornalismo e Chiesa alla prova dell’Intelligenza artificiale e della deontologia professionale». Un tema ispirato a quello della 58a Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali (domenica 12 maggio 2024) «Intelligenza artificiale e sapienza del cuore: per una comunicazione pienamente umana».

Papa Francesco ha invitato a riflettere sull’uso dell’intelligenza artificiale che «potrà contribuire positivamente nel campo della comunicazione, se non annullerà il ruolo del giornalismo sul campo, ma al contrario lo affiancherà; se valorizzerà le professionalità della comunicazione, responsabilizzando ogni comunicatore; se restituirà ad ogni essere umano il ruolo di soggetto, con capacità critica, della comunicazione stessa».

I lavori saranno introdotti da Massimo La Corte, incaricato regionale del settore Comunicazioni sociali della Conferenza Episcopale Campana, e moderati da Grazia Blasi, direttrice dell’Ufficio Comunicazioni sociali della Diocesi di Alife-Caiazzo. Porteranno i saluti mons. Antonio Di Donna, Vescovo di Acerra e Presidente della Conferenza Episcopale Campana, Ottavio Lucarelli, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, e Guido Pocobelli Ragosta, presidente dell’UCSI Campania.

Il cuore della mattinata sarà incentrato sugli interventi di: Gigio Rancilio, giornalista e responsabile dei canali digitali di Avvenire; Mauro Ungaro, presidente della FISC e direttore del settimanale diocesano di Gorizia Voce Isontina; Fabio Bolzetta, giornalista e presidente di WeCa. Il convegno si concluderà con l’intervento di mons. Antonio De Luca, Vescovo di Teggiano-Policastro e delegato del settore Comunicazioni sociali della Conferenza episcopale campana.

L’iniziativa intende mettere in dialogo i giornalisti e i comunicatori che sono impegnati al servizio della comunità ecclesiale e la stampa laica, per un confronto sulle potenzialità e i rischi che offre l’Intelligenza artificiale. Si tratta, infatti, di un momento formativo aperto a tutti i giornalisti che intendono approfondire alcune sfaccettature dell’IA.

Una realtà, più che una prospettiva, con la quale ci si confronta nella vita quotidiana e con la quale il mondo della comunicazione e dell’informazione fa i conti già da tempo. Il convegno ha il patrocinio dell’UCSI (Unione Stampa Cattolica Italiana), della FISC (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) e di WeCa (Webmaster Cattolici). L’evento chiude il ciclo di approfondimenti organizzati da ottobre del 2023 dal settore Comunicazioni sociali della CEC, appuntamenti che hanno riguardato l’Intelligenza artificiale, ma anche la comunicazione del Cammino Sinodale.

Salvatore D’Angelo
Direttore UCS Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno

Info

Conferenza Episcopale Campana

Segreteria:
Piazza Bartolo Longo 1
80045 Pompei NA

info@conferenzaepiscopalecampana.it

Articoli Recenti

RSS CEI

  • Accanto ai migranti e ai rifugiati
    Alla vigilia della Giornata mondiale del Rifugiato delle Nazioni Unite del 20 giugno, il punto sull'impegno della Chiesa italiana e sui progetti realizzati grazie ai fondi dell'8xmille: dal 1991, attraverso il Servizio per gli interventi caritativi per lo sviluppo dei popoli, sono stati finanziati 166 progetti in 31 Paesi per un totale di oltre 31,5 […]

RSS SIR

  • Sul guscio di una tartaruga. Natura, maestra dei popoli
    Nelle credenze popolari delle Solomon Islands, se un’isola affonda significa che è morta la testuggine marina su cui poggiava. Quando c’è un terremoto, è una tartaruga che litiga con un’altra. Mentre lo tsunami è causato da un forte dissenso tra gruppi di testuggini. Essendo la tartaruga marina un animale sostanzialmente pacifico, si può spiegare perché […]