Incontro di formazione del Settore Cultura e Comunicazioni.

Martedì 13 gennaio 2015 presso la sede CEC in Pompei si è tenuto il secondo incontro del programma di formazione del Settore Cultura e Comunicazione. L’iniziativa è stata organizzata dal Delegato regionale per le Comunicazioni Sociali S.E. Mons. Ciro Miniero in collaborazione con il Prof. Alfonso Amendola del Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione dell’Università di Salerno. Durante l’incontro il Prof. Amendola ha sinteticamente tracciato il percorso storico dei Social Network, soffermandosi in particolare sull’evoluzione del linguaggio degli stessi. La relazione ha inoltre posto in evidenza come la trasformazione dei modi di comunicare apra a nuove e possibili prospettive culturali.  È stato quindi ribadito dai responsabili che l’impegno  dell’Ufficio regionale sarà sempre quello di proporre un percorso di formazione che tenga conto delle esigenze delle realtà locali e dell’evoluzione dei processi comunicativi a livello globale.

Don Valeriano Pomari

 

CEC 2

 

 

 

 

CEC 1

 

Info

Conferenza Episcopale Campana

Segreteria:
Piazza Bartolo Longo 1
80045 Pompei NA

info@conferenzaepiscopalecampana.it

Articoli Recenti

RSS CEI

  • Accanto ai migranti e ai rifugiati
    Alla vigilia della Giornata mondiale del Rifugiato delle Nazioni Unite del 20 giugno, il punto sull'impegno della Chiesa italiana e sui progetti realizzati grazie ai fondi dell'8xmille: dal 1991, attraverso il Servizio per gli interventi caritativi per lo sviluppo dei popoli, sono stati finanziati 166 progetti in 31 Paesi per un totale di oltre 31,5 […]

RSS SIR

  • Sul guscio di una tartaruga. Natura, maestra dei popoli
    Nelle credenze popolari delle Solomon Islands, se un’isola affonda significa che è morta la testuggine marina su cui poggiava. Quando c’è un terremoto, è una tartaruga che litiga con un’altra. Mentre lo tsunami è causato da un forte dissenso tra gruppi di testuggini. Essendo la tartaruga marina un animale sostanzialmente pacifico, si può spiegare perché […]