Incontro di formazione per gli uffici di comunicazione diocesani

Martedì 10 maggio, presso la sede CEC di Pompei, si è tenuto l’ultimo incontro degli Uffici di comunicazione delle Diocesi della Campania. Per l’occasione sono stati invitati i direttori e i collaboratori degli Uffici di comunicazione delle Diocesi di tutta la Regione. L’incontro, inserito all’interno del progetto annuale di formazione, è stato promosso dal Settore Cultura e Comunicazione della Conferenza Episcopale Campana. Il Delegato promotore del progetto è S.E. Mons. Ciro Miniero, Vescovo di Vallo della Lucania. La conferenza è stata tenuta da don Alessandro Paone, Incaricato Regionale per le Comunicazioni della Conferenza Episcopale del Lazio e Delegato nel Consiglio nazionale della FISC. La riflessione, della durata di circa due ore, ha sviluppato gli aspetti principali riguardanti il lavoro dell’ufficio diocesano di comunicazione: l’organizzazione, l’integrazione con la pastorale, i rapporti con vescovo, i rapporti con altri uffici curia, i rapporti con sacerdoti, i rapporti con stampa, le prospettive future di sviluppo, le nuove potenzialità offerte dalla cultura social. La tavola rotonda è stata l’occasione per approfondire l’argomento attraverso la prospettiva offerta dai documenti del magistero e dalla cultura mass mediale.

don Valeriano Pomari

 

 

Info

Conferenza Episcopale Campana

Segreteria:
Piazza Bartolo Longo 1
80045 Pompei NA

info@conferenzaepiscopalecampana.it

Articoli Recenti

RSS CEI

  • Accanto ai migranti e ai rifugiati
    Alla vigilia della Giornata mondiale del Rifugiato delle Nazioni Unite del 20 giugno, il punto sull'impegno della Chiesa italiana e sui progetti realizzati grazie ai fondi dell'8xmille: dal 1991, attraverso il Servizio per gli interventi caritativi per lo sviluppo dei popoli, sono stati finanziati 166 progetti in 31 Paesi per un totale di oltre 31,5 […]

RSS SIR

  • Sul guscio di una tartaruga. Natura, maestra dei popoli
    Nelle credenze popolari delle Solomon Islands, se un’isola affonda significa che è morta la testuggine marina su cui poggiava. Quando c’è un terremoto, è una tartaruga che litiga con un’altra. Mentre lo tsunami è causato da un forte dissenso tra gruppi di testuggini. Essendo la tartaruga marina un animale sostanzialmente pacifico, si può spiegare perché […]