Relazione delle attività della Migrantes anno 2012-13

MIGRANTES CAMPANA
Conferenza Episcopale Campana
Pompei – NA
Relazione anno pastorale 2012-2013

La Regione Campania è un territorio vario dal punto di vista geografico con problemi diversi. Esso è costituito da una fascia costiera dove c’è un insediamento di immigrati massiccio nella fascia domiziana, la valle del Sele ne l Salernitano, una zona cittadina Pozzuoli, Napoli, Capua, Caserta e Salerno e una zona interna montuosa Benevento e Avellino con un insediamento ridotto di immigrati.
Son 24 diocesi impegnate nella pastorale e attente alle esigenze della mobilità umana.
Nel corso degli ultimi vent’anni per quanto concerne il fenomeno migratorio, la Campania ha vissuto situazioni molto diverse, trasformandosi da terra di partenza a luogo di arrivi, e poi da area di passaggio a regione d’ inserimento stabile.
I cambiamenti sono stati rapidi ed articolati, sia in termini quantitativi che in termini qualitativi.
Fin da primi significativi flussi che l’ hanno vista protagonista negli anni Settanta del secolo scorso , s’ inizia a delineare quello che verrà definito il “modello campano” d’ immigrazione, caratterizzato da una struttura dualistica del modello insediativo – occupazionale: “modello metropolitano” all’ interno del quale trovano inserimento prevalentemente donne nel settore della collaborazione familiare e domestica; “modello periferico – rurale” del terziario dequalificato e del lavoro agricolo stagionale e precario , in cui trovano inserimento prevalentemente uomini.
I numerosi ricongiungimenti familiari e il superamento del lavoro dipendente con l’ avvio di iniziative imprenditoriali confermano poi la crescente strutturalità del fenomeno migratorio in Regione. M a dalle pagine del Dossier viene anche lanciata una preoccupante allerta sull’ emergenza occupazionale che sta vivendo il Mezzogiorno d’ Italia e che colpisce in maniera particolare i cittadini immigrati della Campania.
In questo contesto socioculturale e multietnico la Chiesa Campana è stata chiamata ad attuare la missione dell’ annunzio della Buona Novella ai fratelli immigrati.
L’ Ufficio Regionale Migrantes è l’ organismo pastorale costituito per assicurare l’ assistenza religiosa ai migranti , italiani e stranieri, per promuovere nelle comunità cristiane atteggiamenti ed opere di fraterna accoglienza nei loro riguardi, per stimolare nella stessa comunità civile la comprensione e la valorizzazione della loro identità in un clima di pacifica convivenza rispettosa dei diritti della persona umana.
I n concreto l’ attività Pastorale dell’ Ufficio Regionale Migrantes articolata nei cinque settori corrispondenti alle competenze specifiche della pastorale dei migranti :
– Pastorale tra gli immigrati esteri in Italia ed i profughi;
– Pastorale tra i Rom e i Sinti;
– Pastorale tra i fieranti e i circensi;
– Pastorale tra gli addetti alla navigazione marittima ed area;
– Pastorale tra gli italiani nel mondo;
ha cercato sempre di operare in sinergia con le indicazioni dettate dalla Fondazione Migrantes, seguendo le indicazioni della Conferenza Episcopale Italiana , che sono:
1.favorire la vita religiosa dei migranti , offrendo in particolar modo ai cattolici, attraverso una costante opera di evangelizzazione e di catechesi, i mezzi sacramentali e di culto necessari per un loro libero ed originale inserimento nelle diocesi della regione;
2. coordinare, in ambito regionale le iniziative promosse dagli uffici diocesani e dagli organismi di ispirazione cristiana a favore delle migrazioni;
3. mantenere i contatti con uffici ed enti ecclesiastici e civili per le migrazioni esistenti in regione e all’ estero, con la disponibilità ad attuare particolari iniziative e servizi che venissero richiesti;
4. promuovere la crescita integrale dei migranti perché, nel rispetto e sviluppo dei loro valori culturali e religiosi specifici, possano essere protagonisti nella società civile della quale fanno parte; curare un’ adeguata informazione dell’ opinione pubblica e stimolare l’ elaborazione di leggi di tutela dei migranti per una convivenza più giusta e pacifica;
5. programmare le opportune iniziative per diffondere una corretta informazione sulla mobilità umana, per tenere desta la coscienza della comunità ecclesiale sul dovere dell’ accoglienza, in fedeltà ai valori e allo spirito del Vangelo;
6. consolidare l’ intesa e la collaborazione tra gli Uffici pastorali coinvolti dal fenomeno delle migrazioni, Caritas Diocesana, Pastorale del Lavoro, Ecumenismo ,Catechesi, Missioni ,Ufficio Famiglia ecc. . Ciascuno di questi ambiti comporta inevitabili e provvidenziali contatti tra gli Uffici, offrendo opportunità per programmi articolati e integrati.
ATTIVITA’
In questo contesto nazionale e regionale l’ Ufficio Migrantes è chiamato a studiare e ad inventare la strategia pastorale di accoglienza e di integrazione ecclesiale e sociale dei fratelli immigrati.
Sua Ecc.za Mons. Antonio De Luca , Vescovo di Teggiano Policastro e Vescovo Delegato per la Conferenza Episcopale Campana per la Migrantes, in questo anno ci ha guidato e ci guida , con paterno amore e competenza pastorale, nel cammino di discernimento per poter leggere con attenzione il fenomeno della mobilità.
La sua costante presenza alle riunioni regionali è stata per i Direttori Diocesani e gli Operatori un costante sprono e incoraggiamento, ma soprattutto con la sua passione e il suo amore per gli immigrati ha trasmesso un tale entusiasmo che c ha appassionati tutti. Le Assemblee Regionali si sono tenute con frequenza bimestrale , la partecipazione dei Direttori Diocesani con i loro Operatori è stata sempre numerosa, ogni incontro ha visto la presenza di 17/ 18 diocesi per volta.
In ogni incontro l’ attenzione pastorale è stata posta sempre ai cinque settori della mobilità , anche se l’ attenzione particolare si è fermata all’ immigrazione. La programmazione è stata effettuata all’ inizio dell’ anno pastorale, presentando anche le indicazioni che vengono decise nell’ incontro Nazionale della Fondazione Migrantes, insieme ai Direttori Regionali.

Sintesi degli Eventi Regionali vissuti e celebrati.
24 Ottobre 2012:Presentazione bozza di programma e presentazione del nuovo Vescovo Incaricato
• Rapporto italiani nel Mondo e Dossier Immigrazioni- Caritas Migrantes
30 Ottobre 2012 Dossier Immigrazione- Caritas – Migrantes : Ogni anno viene presentato il Dossier Immigrati a livello regionale e nelle chiese locali. Questo dossier è un sussidio pastorale che affronta gli aspetti più rilevanti del fenomeno migratorio, da quelli socio- economici a quelli culturali,giuridici e religiosi. E’ uno strumento non solo di studio ma soprattutto una maniera di spunti per la consultazione e per l’ organizzazione di eventi di sensibilizzazione al fenomeno migratorio. In questo impegno di ricerca scientifica sono coinvolti organismi internazionali,ministeri, enti locali, istituti previdenziali, centri studio, sindacati, associazioni, fondazioni .
Rapporto Italiani nel Mondo : Si tratta di un lavoro corposo e accurato che, attraverso dati statistiche notizie , fornisce una panoramica dettagliata e analitica del fenomeno migratorio italiano nei 150 anni di storia migratoria del nostro Paese. Lo scopo è quello di fornire non solo un aggiornamento statistico ma anche di condurre approfondimenti per quanto riguarda le regioni di partenza, i paesi di insediamento, gli aspetti storici, i nuovi flussi ecc.

19-22 Novembre 2012: Roma Convegno Nazionale dei Direttori Diocesani Migrantes, dove ha visto la partecipazione di 8 Diocesi.
1 Dicembre 2012: Udienza Santo Padre con i Fieranti e Circensi
13 Gennaio 2013: Celebrazione della Giornata Mondiale – Regionale del Migrante e del Rifugiato a livello Regionale e nelle singole diocesi.
Ogni anno viene preparata con cura la celebrazione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato,ogni diocesi organizza questo momento con grande impegno e interesse per sensibilizzare la comunità diocesana alla realtà dei fratelli immigrati, con catechesi e conferenze di studi.
Ogni Diocesi si attiva a mettere in atto tutte le iniziative possibili perché ci sia una larga partecipazione degli immigrati. Quest’anno la diocesi scelta è stata Teggiano Policastro (Sapri), la quale ha organizzato in modo meravigliosa l’ evento con un programma molto ricco e con una larga sensibilizzazione e coinvolgimento delle Istituzioni locali di tutta la comunità diocesana. Il programma della giornata molto intenso è iniziato con l’ accoglienza degli immigrati, a seguire la Celebrazione di Mons. Antonio De Luca.Dopo la Santa Messa il pranzo a sacco tutti insieme con i Vari gruppi etnici e al pomeriggio la festa delle culture con danze , canti e sfilate di costumi tradizionali delle varie etnie. E’
06 Marzo 2013: In data 06 Marzo 2013 si è tenuto presso la sede della CEC un incontro con i Direttori Migrantes con il seguente ordine del giorno:
• Andamento della Giornata Mondiale Migrantes celebrata in Diocesi
• Organizzazione del Pellegrinaggio e Festa dei Popoli
06 Giugno 2013: In data 06 Giugno 2013 si è tenuto presso la sede della CEC un incontro con i Direttori Migrantes con il seguente ordine del giorno:
• Pellegrinaggio Immigrati
• Presentazione Nuovo Statuto Migrantes
• Linee Programmatiche per il nuovo anno
• Indicazioni per i progetti
16 Giugno 2013: Questo cammino della Migrantes Regionale è culminato nella Festa dei Popoli che si celebrata a Salerno. L’evento ha voluto rappresentare un momento di amicizia festosa tra tutte le etnie e le popolazioni presenti nel nostro territorio. La festa non ha avuto carattere confessionale ma, piuttosto, ha inteso costruire simbolicamente ponti culturali e sociali tra popoli di cultura e religioni diverse.
L’impostazione della festa è stata molto semplice e ha privilegiato l’autonoma espressione delle varie culture che hanno avuto l’opportunità di manifestare liberamente le proprie tradizioni e presentarsi alla gente. La giornata è stata caratterizzata dall’allestimento di stand, dove le comunità hanno esposto i propri prodotti, simboli dell’artigianato, foto e immagini dei propri paesi, cibi e ricette della cucina nazionale, presentandosi così a tutta la cittadinanza, anche attraverso un momento di libera espressione sul palco, esibendosi in canti, danze tradizionali o altre forme espressive della propria identità culturale. Hanno realizzato giochi popolari tra squadre delle varie comunità o miste. Accanto alla presenza delle comunità straniere è stata prevista quella delle Associazioni o gruppi italiani che hanno relazioni con gli immigrati. L’evento è stato interessante per tutti i nostri concittadini hanno toccato con mano il fenomeno della “globalizzazione”, con tutte le sue opportunità, attraverso la ricchezza umana e culturale di cui sono portatori gli immigrati. Si è trattato di una esperienza umana utile a diffondere uno stile di dialogo e di accoglienza intelligente e critica. La festa è stata resa particolarmente “piccante” dalla presentazione dei piatti più importanti delle diverse culture gastronomiche.
20 Giugno 2013: In data 20 Giugno 2013 si è tenuto il “Pellegrinaggio Immigrati” a Pompei, presso l”Area meeting”. L’incontro ha avuto luogo con l’accoglienza di circa 500 immigrati, provenienti da undici diocesi , accompagnati dai Direttori Diocesani Migrantes. Dopo l ‘ accoglienza e il saluto di Sua Ecc.za Mons. Antonio De Luca, Vescovo Delegato per la Migrantes Regionale e del Direttore Regionale Don Alfonso Calvano , ogni gruppo ha presentato un proprio ballo o canto, creando cosi una vera e propria atmosfera etnica. La festa degli immigrati è stata un’occasione di condivisione, ma soprattutto di conoscenza; un buon esempio di avvicinamento della cittadinanza ai popoli stranieri e della “vita”quotidiana, non sempre semplice, che quest’ultimi hanno. Lo scambio tra culture, tradizioni , storie differenti, è stato un modo di conoscenza e scoperta dove i diversi popoli si sono riconosciuti fratelli. Questa grande festa vede come principali protagoniste le comunità straniere presenti in Regione. Ogni comunità, ha presentato la propria cultura,musica e danza in modo del tutto personale e soggettivo,attraverso momenti di spettacolo,raccontando cosi la propria nazione d’origine. Alle ore 18:00 in processione ci siamo portati nel Santuario per l’ adorazione del SS. Sacramento e la recita del Santo Rosario, quindi alle ore 19.00 la Celebrazione Eucaristica, presieduta da Mons. Tommaso Caputo, Prelato di Pompei e concelebrata da Mons. Antonio De Luca, Vescovo Delegato per la Migrantes Regionale, dal Direttore Regionale e da tutti i direttori diocesani Migrantes e i cappellani di alcune etnie( Nigeriana ,Ucraina, Filippina.
Pompei, 21 Giugno 2013
Incaricato Regionale
Don Alfonso Calvano

 

Info

Conferenza Episcopale Campana
Segreteria: Piazza Bartolo Longo, 1
80045, Pompei (NA)

info@conferenzaepiscopalecampana.it
Tel. 081 8577255
Fax. 081 8567059

RSS CEI

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS SIR

  • +++ Papa Francesco: lunedì 25 marzo sarà a Loreto +++
    “Papa Francesco sarà tra noi lunedì 25 marzo 2019, nella solennità dell’Annunciazione”. Lo ha detto stasera il prelato, mons. Fabio Dal Cin. “Verrà pellegrino nella Santa Casa”, ha aggiunto ricordando che verrà per confermare i fratelli nella fede. Nel suo annuncio l’arcivescovo ha citato in particolare giovani e anziani. La notizia è stata comunicata all’inizio […]