Giornata regionale di preghiera per i nostri fratelli e sorelle in carcere

Domenica 18 febbraio, I domenica di Quaresima, la Conferenza Episcopale Campana promuove una giornata di preghiera per i fratelli e sorelle in carcere, le famiglie e quanti, come personale carcerario e come volontari, svolgono il loro servizio presso le carceri della Regione Campania.

Parlando ai referenti diocesani del cammino sinodale italiano, nel loro incontro nazionale del 25 maggio 2023, Papa Francesco a proposito dei detenuti così si è espresso:
“Per un detenuto, scontare la pena può diventare occasione per fare esperienza del volto misericordioso di Dio, e così cominciare una vita nuova. E la comunità cristiana è provocata a uscire dai pregiudizi, a mettersi in ricerca di coloro che provengono da anni di detenzione, per incontrarli, per ascoltare la loro testimonianza, e spezzare con loro il pane della Parola di Dio”.

Cogliamo dunque l’occasione per continuare la nostra opera di sensibilizzazione mettendo in atto tutte quelle iniziative che siano da stimolo alle nostre Comunità per superare i pregiudizi e prendere in mano il coraggio del Vangelo.

Di seguito una proposta per la preghiera dei fedeli.

  Preghiera dei fedeli

Info

Conferenza Episcopale Campana

Segreteria:
Piazza Bartolo Longo 1
80045 Pompei NA

info@conferenzaepiscopalecampana.it

Articoli Recenti

RSS CEI

  • Accanto ai migranti e ai rifugiati
    Alla vigilia della Giornata mondiale del Rifugiato delle Nazioni Unite del 20 giugno, il punto sull'impegno della Chiesa italiana e sui progetti realizzati grazie ai fondi dell'8xmille: dal 1991, attraverso il Servizio per gli interventi caritativi per lo sviluppo dei popoli, sono stati finanziati 166 progetti in 31 Paesi per un totale di oltre 31,5 […]

RSS SIR

  • Sul guscio di una tartaruga. Natura, maestra dei popoli
    Nelle credenze popolari delle Solomon Islands, se un’isola affonda significa che è morta la testuggine marina su cui poggiava. Quando c’è un terremoto, è una tartaruga che litiga con un’altra. Mentre lo tsunami è causato da un forte dissenso tra gruppi di testuggini. Essendo la tartaruga marina un animale sostanzialmente pacifico, si può spiegare perché […]